03
Ago
10

Meglio questo che niente

Meglio questo che niente

Chi frequenta il blog si ricorderà senz’altro della manifestazione a sostegno del Festival letterario San Bartolomeo alla quale ho dato in extremis la mia adesione e partecipato sabato 8 maggio. Durante quella serata in fiera a Cagliari davanti a un folto pubblico, tra fisso e di passaggio, ho presentato il mio ultimo lavoro, il romanzo “Le verità di fango. Enigma rosso”. Ho cercato di spiegare i molteplici aspetti della mia opera che si presenta come un giallo, anzi lo è nel ritmo e nell’intrigo, ma è molto, molto di più. La storia infatti si intreccia con i nostri giorni, le tavolette d’argilla sono solo un espediente per raccontare la nostra epoca. Entrano perciò nell’intrigo politica e economia, banche e speculazioni, da cui derivano crimini di ogni genere, omicidi compresi. In questo contesto si muovono i protagonisti positivi, sorta di coscienza collettiva, che prestano occhi e cuore al lettore nella loro ricerca di verità e giustizia. Un lavoro paziente e certosino il loro, tra bilanci di Stato e privatizzazioni, tra prodotto interno lordo e frequentazioni pericolose, tra politici privi di scrupoli e criminali incalliti, che evidenzia lentamente, grazie a situazioni esemplari, che noi tutti ben conosciamo, purtroppo, quanto sia breve il passo tra il crimine e la nuova economia una volta levato l’out out rappresentato dallo Stato. Ma per quanto la notte possa essere lunga prima o poi arriva l’alba, in questo caso rappresentata dal vero, e cioè dalla congruità fra ciò che si dice e ciò che si fa. Quel vero che trova consensi non a palazzo ma tra la gente comune e mette di fronte ogni individuo davanti alla propria coscienza e responsabilità, ed è l’unico che possa garantire una pacifica convivenza civile. Ecco, in sintesi ciò di cui ho parlato sabato 8 maggio. Ebbene, contavo di mostrarvi il filmato, di gran lunga molto più esaustivo di queste poche righe, ma purtroppo, e non si capisce perché, la traccia audio è rovinata per buona parte e l’unico stralcio di senso compiuto e integro è la presentazione che di me ha fatto Vincenzo Di Dino, il deus ex machina del Festival letterario San Bartolomeo che, ovviamente, vi offro in visione.

Pietro Atzeni

Annunci

0 Responses to “Meglio questo che niente”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: