06
Set
10

Lo yoga e le sue origini

Lo yoga e le sue origini

 

Molto spesso leggiamo sui giornali che tal personaggio ha incominciato a praticare lo yoga, che quest’altro ha con questa pratica, che prevede posizioni fisiche a volte complicate, cambiato in positivo radicalmente la propria vita e che continuerà a praticare questa disciplina finché avrà respiro. Dello yoga si sa tanto ma delle sue origini ben poco tanto che, per saperne qualcosa, bisogna ricorrere alla leggenda…

Si dice che un giorno, quando ancora esistevano gli dei, mentre Shiva spiegava a sua moglie Parvati i prodigi dello yoga un pesce curioso riuscisse ad ascoltare i segreti di questa disciplina. Scoperto da Shiva fu scacciato. Nuotò per parecchio tempo fino a che approdò in India. Non appena toccò terra si trasformò in uomo grazie allo yoga. Qui venne accolto nel migliore dei modi dagli indigeni che lo chiamarono Matsyendra, cioè Signore dei pesci, e lui per ringraziarli di tanta ospitalità insegnò loro le posizioni dello yoga, una delle quali porta il suo nome: Matsyendrasana. Il fatto di ricorrere alla leggenda dimostra l’antichità di questa disciplina le cui origini si perdono nella notte dei tempi. La yoga è una scienza vecchia molto vecchia. Non si ha, in effetti, una data precisa sulle sue origini, forse 5000 o addirittura 10000 anni fa. Se dare una data alle sue origini rappresenta un problema affermare che lo yoga è una disciplina di importazione per l’India è un fatto certo, dimostrato, appunto, dalla leggenda appena narrata. Il pesce altro non sarebbe…che dei navigatori scampati a un cataclisma (da Atlantide?) o scappati, per chissà quale motivo, da altra terra sconosciuta, che portarono con sé i segreti di questa disciplina, la cui conoscenza rende simile agli dei, ed è per questo che questa conoscenza è stata da sempre elitaria e si è trasmessa perciò da maestro ad allievo fino a che non ha avuto diffusione universale. Il fatto potersi trasformare da pesce in uomo dimostra le illimitate opportunità che offre il metodo a chi vi si applica con dedizione e fiducia. Un’ultima considerazione lasciando da parte la leggenda. La parola yoga in sanscrito significa “congiunzione” da intendersi in termine molto ampio. Congiunzione delle diverse anime di un uomo, da fondersi in un tutt’uno col proprio corpo e poi con l’universo esterno nella sua totalità. Vi chiederete quali condizioni straordinarie siano necessarie per praticare lo yoga con successo. Eccovi accontentati:

Lo yoga non potrà essere raggiunto:

né da colui che mangia troppo

né da colui che si astiene dal cibo

né da colui che dorme troppo

né da colui che troppo veglia.

Raggiungerà lo yoga colui che mangia e beve come si conviene, di cui tutti gli atti sono regolati dalla ragione e che sa equilibrare il sonno e la veglia. (da “Yoga pour chacun” di de Meric librairie generale Francaise 1968 tradotto in Italia da Garzanti 1971). Ecco, queste le condizioni fondamentali estrapolate dal Bhagavad Gita, il testo sacro dell’induismo risalente a circa 1000 anni avanti Cristo. Come si può vedere nulla di trascendentale ma semplici regole di vita che, a prescindere dallo yoga, dovremmo fare nostre.

Pietro Atzeni

Advertisements

0 Responses to “Lo yoga e le sue origini”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: