02
Feb
12

Affidabilità, credibilità e governi fantoccio

Affidabilità, credibilità e governi fantoccio

Il governo tecnico passa per essere il governo che ha ridato credibilità e affidabilità internazionale al paese ma io questa cosa proprio non la digerisco. Mi spiego. Salassano la popolazione, la portano alla fame, proseguono la distruzione dello stato sociale, iniziata già da qualche decennio, e questo darebbe credibilità al paese? A qual fine tutto questo Dio solo lo sa, assieme agli artefici e ovviamente al diavolo. Stanno creando forse un precedente che possa servire come termine di paragone per fare leva su quei paesi riottosi a fare le riforme tanto care al sistema bancario internazionale? E’ possibile, come è anche possibile che il disastro ottenuto fino ad ora abbia come fine quello di deprezzare i gioielli di Stato, Eni, Finmeccanica etc, prima di essere offerti in pasto alla finanza internazionale, Goldman Sacs in testa. Possono essere anche entrambe le cose, il futuro ci svelerà l’arcano. Per certo so che se come amministratore di una società svolgessi attività atte a sminuirne il valore, per svenderla ai miei complici, incorrerei nei rigori della legge ma non altrettanto avviene, in campo più ampio, se la stessa finalità persegue la politica. E’ un vero peccato che i rigori della legge non arrivino così in alto, ci si libererebbe una volta per tutte dai nostri aguzzini! E invece questo rimane ancora un sogno e sprofondiamo sempre più nel paradosso. Noi che abbiamo subito la politica speculativa delle banche e della finanza internazionale siamo chiamati a dare prova di credibilità e affidabilità, ma siamo matti signor Presidente Monti? Se in questo mondo avesse ancora casa il buon senso, non dovrebbe essere esattamente il contrario? Non si sarebbe dovuto pretendere garanzie di serietà dal sistema bancario e finanziario prima di macellare i poveri italiani? Giusto, no? E allora mi faccia la cortesia, anzi la faccia agli italiani tutti, di smetterla di sbandierare ai quattro venti questa presunta credibilità e affidabilità internazionale acquisita, che ci fa sentire anche fessi, visto che non siamo noi ad averla persa la credibilità e l’affidabilità, ma certi governi fantoccio che non hanno fatto, e continuano a non fare, gli interessi di chi dovrebbero tutelare! Per stemperare gli animi vi propongo in visione un gustoso filmato satirico sulla riforma operata da questo governo sul sistema pensionistico. Buona visione.

Pietro Atzeni

Annunci

4 Responses to “Affidabilità, credibilità e governi fantoccio”


  1. febbraio 3, 2012 alle 9:00 am

    La tua lettura della situazione presente é condivisibile. Certamente questi personaggi ci stanno ridimensionando perché a livello mondiale siamo stati ridimensionati da altri attori potenti, come il Brasile, non solo la Cina e l’India….proprio stamattina un ragazzo brasiliano mi ricordava che il suo paese é ormai la 6^ potenza economica mondiale, sta salendo al 5° posto, e comunque avanti alla Gran Bretagna. Interessante, no? Credo che tutte ste manovre e ste crisi, in fin dei conti, siano la certificazione che noi non ce la facciamo più, una resa dei conti, non riusciamo più a competere da nessuna parte. In ogni caso la ricetta Monti fa del male, peggiora ulteriormente le cose, invece che tentare di migliorarle. L’Italia si avvia ad essere un paese povero, se già non lo é diventato. Una ultima riflessione riguarda la nostra classe dirigente che é un profondo, vero fallimento storico: in tutti questi anni non hanno mai guardato al modello tedesco ma sempre a quello anglo-americano, con i risultati che sono davanti agli occhi di tutti!

  2. 2 Walter
    febbraio 4, 2012 alle 3:21 pm

    E continuano a prenderci in giro chiedendoci sempre più sacrifici per la “crescita”……….mentre dirottano fondi e denaro alle spese di guerra.

    Gli USA hanno stabilito un risparmio per le loro spese di guerra di circa 450 miliardi di dollari in un decennio, imponendo al governo suddito di Monti

    di dirottare risorse dal fondo per lo sviluppo al bilancio per la guerra.

    Imponendo l’acquisto dei discussi cacciabombardieri F35 (per combattere noi, per procura, una nuova guerra atlantica?) per la cifra di 18 miliardi di euro…………Ecco dove finiscono le nostre tasse……..

  3. febbraio 8, 2012 alle 5:38 pm

    Caro Pietro, purtroppo il mondo va solo in una direzione. I potenti saranno sempre più potenti e i disgraziati (me compresa) ce la prendiamo sempre nel posteriore.
    Oramai alla mia età ho imparato la lezione. Grazie per le visite, mi aiuta a vedere il cielo più roseo. Un caro saluto anche alla tua bellissima isola.

  4. febbraio 10, 2012 alle 7:24 am

    Buon mattino Pietro, cambiano le facce ma la musica è sempre la stessa.
    Un caro saluto
    Mistral


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: