29
Mar
12

Un paese ben strano questo nostro

Un paese ben strano questo nostro



Un paese ben strano questo nostro. Un paese con la terza riserva aurifera al mondo ma che ci dicono in bolletta. Un paese che importa dall’estero prodotti tessili e alimentari, con le inevitabili conseguenze che questo comporta, e si meraviglia della dilagante disoccupazione e fa crociate per la soppressione dell’art. 18 l’unico ostacolo, sembra, allo sviluppo! Un paese dove le aziende, una dietro l’altra come le ciliegie, attratte dal miraggio del maggiore profitto, prendono baracca e burattini e vanno all’estero, e le sempre meno rimaste son costrette a subire la maggiore imposizione fiscale al mondo. Un paese che in nome della Democrazia, che si spera quanto prima di avere anche in Italia, bombarda, o sanziona, i popoli amici, fornitori di petrolio, e lavoro per molte nostre aziende, contribuendo così all’aumento dei costi dell’uno e alla inevitabile perdita di migliaia di posti di lavoro nell’altro caso. Un paese che investe nella scolarizzazione enormi risorse per consegnare alla fine del percorso spesso i migliori, gratis, ad aziende e paesi stranieri perché nel nostro l’unica prospettiva è la fame. Un paese che si indigna per le probabili trombate del proprio Presidente del Consiglio e messo a novanta dal suo sostituto pare si dichiari molto soddisfatto di lui. Potrei continuare ma mi fermo qui aggiungendo a conclusione un’ultima cosa. Un paese, insomma, che attribuisce alle lobbies dei tassisti il mancato sviluppo e salvaguarda le banche, il vero artefice di tutte le nostre disgrazie, quali speranze può avere per il futuro?

 

Pietro Atzeni

Annunci

2 Responses to “Un paese ben strano questo nostro”


  1. marzo 30, 2012 alle 8:01 pm

    L’art. 18 è l’unico ostacolo allo sfruttamento dei lavoratori, perchè in mancanza di questo si potranno licenziare lavoratori con contratti regolari e assumere i giovani con contratti a progetto o collaborazione saltuaria dove non avranno nessuna tutela e risultando nello stesso disoccupati.

  2. 2 amsikora
    marzo 31, 2012 alle 6:14 pm

    L’attenzione sull’articolo 18 nasce dalla riforma pensionistica,o meglio dall’eliminazione delle pensioni
    perchè, andare in pensione a 70 anni, è come non andarci.

    Però, sorge un problema……:
    cosa se ne fa un imprenditore di operai, lavoratori,ultra sessantenni? che lavoro possono fare? non ci vedono più tanto bene…… ,ci sentono poco…… ,zoppicano…….,cosa faccio? – li licenzio.
    E no! non puoi, c’è l’articolo 18…..
    E se l’articolo 18 viene abolito?…………


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: