13
Apr
12

Follia… ma quanto ci costa la longevità!

Follia

 

Ma quanto ci costa la longevità
Il Fondo Monetario Internazionale dichiara che i rischi connessi all’aumento dell’aspettativa di vita sono molto alti. Suggerimento per il primo ministro Monti: fissiamo per legge il tetto massimo degli anni di vita per ogni italiano. Chi trasgredisce la norma perde ogni diritto.
Vito Romaniello

 

La lettera sopra è stata pubblicata oggi dal quotidiano “La Stampa”, quindi non è uno scherzo.Cosa dobbiamo aspettarci adesso? E’ evidente che stanno pensando a ritoccare la nostra già lunga permanenza a lavoro, la più lunga d’Europa. Ormai è chiaro che vogliono i contributi ma non pagarci la pensione. Ci sarebbero molte obiezioni da fare a questo opportunistico modo di ragionare, ma cosa lo dici a fare a un sordo che l’aumento della vita è compensato più che abbondantemente da tutti quei lavoratori che pur pagando i contributi alla pensione non ci arriveranno mai? Si vogliono evitare i rischi legati all’allungamento della vita? Non si prelevino più i contributi pensionistici dalla busta paga dei lavoratori e questi rischi smetteranno di far perdere il sonno al F.M.I non dovendo più pagare le pensioni. Dubito però che approveranno questa soluzione. La verità è che ormai i tempi sono maturi per scrollarci di dosso questi parassiti, non farlo ci renderebbe peggiori di loro.

 

Pietro Atzeni

Advertisements

11 Responses to “Follia… ma quanto ci costa la longevità!”


  1. 1 amsikora
    aprile 13, 2012 alle 4:38 pm

    Concordo, siamo veramente in uno stato di totale follia…….ma follia è anche farci dettare da degli “zombi” le regole della nostra esistenza.

    Questa follia terminerà quando nei confronti dei vari Monti……verrà ripristinato l’uso della ghigliottina.

  2. aprile 13, 2012 alle 4:50 pm

    Questa dell’aspettativa di vita é una cosa allucinante. Questi qui vogliono risolversi i problemi massacrandoci letteralmente. Ciò che tuttavia mi inquieta ancor più é l’apatia della maggioranza degli italiani che non si rendono ancora conto delle ingiustizie che stiamo subendo e subiremo ancor più in futuro.

  3. aprile 13, 2012 alle 10:07 pm

    Povera Italia!

    Caro Pietro è un piacere leggere nuovamente le tua pagine!

    Dolce notte

    Giovanna

  4. aprile 15, 2012 alle 8:14 pm

    Credo stiamo attraversando un altro periodo oscuro: poveri noi…
    Buonanotte, amico
    Ros

  5. 5 Principedellemosche
    aprile 17, 2012 alle 1:40 pm

    Ho un pensiero frequente in questi ultimi tempi:
    Gli schiavi andavano in pensione, una volta che morivano.

  6. 6 49mimosa
    aprile 23, 2012 alle 11:34 am

    Caro Pietro
    Vorrei dire a Monti che molti non arrivano alla pensione…(come hai scritto tu). Un esempio è mia sorella che se n’è andata per sempre dopo 40 anni di lavoro e due soli di pensione.
    Ciaoooooooo

  7. 7 49mimosa
    aprile 27, 2012 alle 7:57 am

    Ciao Pietro.
    E’ arrivato un commento che wordpress ha deviato su Spam. La scritta è indecifrabile ma ho letto solo il tuo nome. Ovviamente non l’ho cestinato. Però, mi piacerebbe sapere se hai lasciato un commento sul mio post “Piano del Mulino n.6” ieri alle 11 circa.
    Ciao, caro amico

  8. aprile 28, 2012 alle 10:37 am

    Ciao Pie’ sta vite senza fine nun so se finirà e quanno. Oppuro ce porta dritta dritta a fa la terra pe le cucuzze.

  9. 10 stefanobu
    maggio 5, 2012 alle 11:11 am

    Mi dispiace molto..

  10. 11 Galaxy
    maggio 12, 2013 alle 8:05 pm

    Ciao Pietruccio…. sono la tua amica di splinder Galaxy. Questa sera come un richiamo degli angeli, qualcosa mi ha detto che dovevo cercarti su face book, volevo sapere se ne facevi parte. Così ti ho trovato e ne ero felice, ho cliccato sulla tua immagine, sperando di leggere una delle tue poesie. Qualcuno ti ha lasciato gli auguri per il tuo compleanno, e così ho fatto l’amara scoperta, te ne sei andato senza che abbia avuto nemmeno il tempo di dirti, CIAO….. Questa per me è la domenica più triste di tutta la mia esistenza. Ti sei fatto volere bene, eri sempre garbato e gentile, e le tue poesie così sublimi mi davano un senso di pace interiore. Addio caro amico resterai sempre nel mio cuore.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: