Archive Page 3

19
Mar
12

Molentargius e i fenicotteri rosa

Molentargius e i fenicotteri rosa

 

Molentargius è una delle zone umide più importanti del mediterraneo. Nella sua laguna sono stati censiti dallo zoologo tedesco, ormai sardo d’adozione, Helmar Shenk oltre duecento specie di volatili, un terzo e oltre di tutta l’avifauna europea! Cavaliere d’Italia, il raro pollo sultano, su Puddoni in sardo, il germano reale, il moriglione, il mignattaio, l’unico ibis europeo, tanto per citarne qualcuno, e infine lui l’emblema stesso del parco di Molentargius: il fenicottero rosa, in sardo Genti arrubia. La straordinarietà di questa laguna è dovuta al fatto che si trova all’interno dell’area metropolitana di Cagliari, stretta tra i comuni di Quartu Sant’elena, Quartucciu, Selargius, Monserrato e, appunto, del capoluogo della Sardegna. Il filmato vuole mettere in risalto il clima rassicurante nel quale ormai vivono questi splendidi e timidi trampolieri, che né le macchine che scorrono nel viale Colombo a Quartu S.E., inizio riprese, il loro rumore in sottofondo durante tutto il resto del filmato, e i palazzi che incombono sullo sfondo, sembrano minimamente turbare, almeno nell’occasione. Dai primi anni ’90 sono state osservate molte coppie che hanno scelto Molentargius per nidificare e tra queste molte vivono ormai stanziali in questa laguna. Prossimamente vi mostrerò altri gioielli di questo straordinario parco. Segue il filmato. Buona visione.

 

Pietro Atzeni

15
Mar
12

MUOIO DI TE

MUOIO DI TE

 

Quando domani ti vedrò

i miei occhi faranno salti di gioia

mi guarderai sorpresa

il mio cuore scoppia d’amore

non meravigliarti

la notte ti perdo

ti ritrovo al mattino

il sogno mi abbatte

e la realtà ti riporta

muoio di te con la luna

come fiore di campo al sole risorgo

 

Pietro Atzeni

 

Poesia tratta dalla raccolta “Tra terra e cielo” di Pietro Atzeni, ed. Cinquemarzo, Viareggio 2009

 

10
Mar
12

Finalmente un 8 marzo che ci piace!

 Finalmente un 8 marzo che ci piace!

 

Cagliari, Museo Archeologico, “Festa della Donna” all’insegna della cultura. Finalmente un 8 marzo che ci piace! Niente patetiche imitazioni di un certo tipo di maschio, che dimostrano sì parità fra i sessi ma, ahimè, verso il basso. Quindi niente spogliarelli di dubbio gusto del sesso forte, fracasso da osteria, volgarità varie e bevute fino a stordirsi, forse per dimenticare. Niente di tutto questo ma cultura sotto varie forme, ecco la festa della donna che ci piace. Letture sagaci, a volte pungenti, dell’universo femminile, danza burlesque garbatamente provocatoria e buona musica di sottofondo. Serata riuscitissima davanti a un pubblico che, probabilmente, mai si era visto così numeroso al Museo Archeologico di Cagliari. I problemi restano e incombono, e purtroppo non solo per le donne, ma almeno per un po’ siamo stati aiutati a metterli in cantina. Segue un breve filmato della serata.

Pietro Atzeni

08
Mar
12

“Appuntamento con l’occulto”, prima puntata

“Appuntamento con l’occulto”, prima puntata

 

Nel post del marzo 2011 vi ho raccontato la tormentata storia di Canale 60, in questo voglio mostrarvi uno dei numerosi programmi prodotti dall’emittente e precisamente “Appuntamento con l’occulto”, condotto dal sottoscritto Pietro Atzeni coadiuvato dal Mago Sargon. Il programma mostrava e viveva sulle due anime del problema, quella scettica sostenuta da me, che ho sempre ritenuto certi argomenti al di là della comprensione umana, e quella, invece, che riteneva possibile la conoscenza anche in un campo così controverso come la reincarnazione, la magia, l’occultismo e i fenomeni paranormali in genere. Questo punto di vista, oltre che da numerosi ascoltatori, era sostenuto con calore dal Mago Sargon. Per ovvi motivi ho dovuto dividere il programma in cinque parti. Le altre puntate, più ovviamente altri programmi, verranno diffuse nella web tv che mi avvio ad aprire. Perciò mi farebbe piacere che chiunque sia in possesso di materiale dell’epoca si mettesse in contattto, l’archivio di Canale 60 ha bisogno anche del loro contributo. Buona visione. 

Pietro Atzeni

07
Mar
12

Sembra… ieri, originale Vernissage, piacevole e coinvolgente, alla Galleria G28

Sembra… ieri, originale Vernissage, piacevole e coinvolgente, alla Galleria G28

Originale Vernissage, piacevole e coinvolgente alla Galleria G28 Originale Vernissage, piacevole e coinvolgente, sabato 3 marzo 2012 alla galleria G28 alla rassegna fotografica “Sembra… ieri”. Attimi di vita fermati per sempre dallo scatto, tante storie, in foto spesso ingiallite dal tempo, ma vive nel cuore dei protagonisti e non, per la grande forza dell’immagine di evocare ricordi… E così assume un senso la performance di Luca Catalano e Stefania Sanna, ovvero il ricordo, non a caso giovane e pieno di vigore, che si materializzano per le sale a ricordarci che i ricordi non invecchiano e non conoscono l’usura del tempo, ma semmai si mimetizzano nell’anima e assumono vita propria, la cui somma, in un modo o nell’altro, dà il senso e la direzione alla nostra esistenza. E così la performance di Barbara Sanna e Francesca Naitza, ufficialmente i fotografi, diventa metafora della consapevolezza, l’unica chance per gli uomini per rubare certi attimi di vita all’apparente oblio.

Pietro Atzeni

06
Mar
12

8 marzo al museo

8 MARZO AL MUSEO

In occasione dell’8 marzo, al Museo Archeologico di Cagliari, per proporre una “festa della donna” alternativa e ironica, un pomeriggio dedicato all’arte, organizzato da Mariangela Sanna e dal Gruppo Legger….Mente, laboratorio di lettura ad alta voce. Nella cornice scenografica, creata da Giorgio Trincas, letture di brani dal “Diario di Eva” di Mark Twain, da parte delle signore guidate dall’attrice Tiziana Martucci e sottolineate dalle azioni sceniche di sapore burlesque ideate da Assunta Pittaluga per Anna Cardis, Miriam Ledda, Michela Mua, Mariella Salis e lei stessa e con la partecipazione di Roberto Magnabosco. Per concludere con un buon thè e squisiti pasticcini, a sottolineare l’intenzione familiare e socializzante dell’evento.

04
Mar
12

“L’incidente”, grande successo alla prima nazionale a Cagliari

Grande successo, vedi sopra articolo de “La Nuova Sardegna”, alla prima nazionale al “Piccolo Auditorium, a Cagliari, de “Lincidente” di Luigi Lunari, nella rivisitazione del regista Tullio Pecora che dopo “Tutti gli uomini di Annalisa” si conferma valente e originale interprete dei lavori dell’autore milanese. La storia nasce dalla inopportuna rottura di un elastico di mutande, e loro relativa caduta a terra dalle parti intime dell’incolpevole protagonista tra lo scandalo generale. Un elastico, però, che tiene al giusto posto non solo l’indumento ma gli istinti dei protagonisti, che via via che la storia si dipana mostrano i loro difetti morali tenuti a freno fino ad allora dalle perbenistiche convenzioni sociali. Un quadro impietoso, pur nel clima farsesco, della nostra società valido ancora oggi. Ottimo lavoro, complimenti a tutti. 

Pietro Atzeni