Posts Tagged ‘macello

25
Mar
12

I MONTONI, I CASTRATI E IL BECCAIO (OVVERO BREVE STORIA DI UNA POLITICA DA MACELLO)

I MONTONI, I CASTRATI E IL BECCAIO (OVVERO BREVE STORIA DI UNA POLITICA DA MACELLO)

Negli ultimi 20 anni, e poco più, la politica, o almeno l’uso che ne hanno fatto le presunte nazioni civili, ha avuto una inversione di corsa, infatti anziché proseguire per la strada tracciata dal passato ispirata a principi di equità sociale, ha scelto la via di un ritorno alle origini e progressivamente perciò la classe dei lavoratori ha perso molte di quelle tutele e quelle garanzie che nel tempo aveva conquistato. Sembra  quasi, per buona parte della popolazione, di essere tornati indietro di due secoli e più, nell’Inghilterra del XVIII secolo. E precisamente ci fa venire a mente la “legge sui poveri”, con la quale i padroni si dimostravano  opportunamente, e opportunisticamente, caritatevoli stabilendo salari minimi che garantissero la sussistenza dei lavoratori affinché non mancasse loro l’energia necessaria per poter ottemperare ai compiti assegnati e contemporaneamente la loro miseria e disperazione non fosse tale da sfociare in rivoluzione. Tutto questo è documentato dalla storia. La favola che segue “I montoni, i castrati e il beccaio”, tradotta da Vincenzo Spezioli (Edipem 1974 Novara), ben racconta con una metafora la nostra recente storia.

I castrati erano tutti in branco coi montoni. Entrò il beccaio, e finsero di non vederlo. L’uomo ne afferrò uno, lo trasse fuori e lo sgozzò. Gli altri vedevano e dicevano tra loro: “A me, non mi tocca: a te, non ti tocca: e lasciamo che acchiappi chi vuole!…” . Così ne restò, alla fine, uno solo. Diceva: “Come siamo stati pazzi! Quando eravamo tutti insieme potevamo fracassarti a testate… Ora invece!…”. E naturalmente fu sgozzato anche lui. Già: se anche tra gli uomini i montoni e i castrati non fossero tanti, dove mai sarebbero i beccai?

Oggi siamo al dunque, ognuno di noi è chiamato a scegliere se essere montoni, castrati oppure altro. Non è più tempo di giocare, l’uso che la classe politica ha fatto del proprio potere è stato devastante, e i singoli mugugni non evitano la macellazione.

Pietro Atzeni

Annunci