Posts Tagged ‘teatro

04
Mar
12

“L’incidente”, grande successo alla prima nazionale a Cagliari

Grande successo, vedi sopra articolo de “La Nuova Sardegna”, alla prima nazionale al “Piccolo Auditorium, a Cagliari, de “Lincidente” di Luigi Lunari, nella rivisitazione del regista Tullio Pecora che dopo “Tutti gli uomini di Annalisa” si conferma valente e originale interprete dei lavori dell’autore milanese. La storia nasce dalla inopportuna rottura di un elastico di mutande, e loro relativa caduta a terra dalle parti intime dell’incolpevole protagonista tra lo scandalo generale. Un elastico, però, che tiene al giusto posto non solo l’indumento ma gli istinti dei protagonisti, che via via che la storia si dipana mostrano i loro difetti morali tenuti a freno fino ad allora dalle perbenistiche convenzioni sociali. Un quadro impietoso, pur nel clima farsesco, della nostra società valido ancora oggi. Ottimo lavoro, complimenti a tutti. 

Pietro Atzeni

Annunci
11
Feb
12

“L’incidente” di Luigi Lunari, Sabato 25 febbraio Prima Nazionale a Cagliari

ParoleRivelate

presenta

L’incidente

Commedia in due atti
di
Luigi Lunari

Regia
di
Tullio Pecora

TEATRO AUDITORIUM COMUNALE

P.ZZA DETTORI CAGLIARI

SABATO 25 FEBBRAIO 2012

ORE 21.00

DOMENICA 26 FEBBRAIO 2012

ORE 19.00

Info e prenotazioni

Tel. 393 1727958

 

Nota sullo spettacolo

È una smaliziata commedia di situazioni, tutta imperniata sul

classico e imperituro ingranaggio delle coppie clandestine che si

ritrovano tutte dove non dovrebbero essere, coi consueti

pittoreschi personaggi di disturbo, a complicare ulteriormente le

cose.

Sullo spunto di un classico del repertorio satirico tedesco del

primo novecento, “Die Hose” di Carl Sternheim, la commedia

sviluppa un intricato procedimento farsesco al cui centro vi sono

una donna, innocente provocatrice, concupita da tutti, e un

piccolo impiegato di banca con un ingarbugliarsi di Onorevoli

vogliosi e capiufficio lascivi.

Si rivela uno spirito critico indirizzato a colpire i difetti, i piccoli

vizi, i facili compromessi, i farisaici ritegni, le ambigue

grettezze di una certa società italiana.

L’ Autore

Luigi Lunari, nato a Milano, dove vive da sempre, si laurea

in legge, studia composizione e direzione d’orchestra. Si

occupa di teatro in varie direzioni, dedicandosi per periodi di

varia durata all’insegnamento universitario, alla saggistica,

alla critica. Drammaturgo di fama internazionale per più di

vent’anni collabora con il Piccolo Teatro di Milano e con

Giorgio Strehler, che Lunari ha sempre chiamato “il Maestro”,

esperienza dalla quale nasce, nel 1991, il romanzo teatrale “Il

maestro e gli altri”. Svolge intensa attività saggistica, dedicata

in particolare a Goldoni, Molière e Brecht. Autore di notevole

eclettismo, scrive fortunati originali televisivi e una serie di

commedie di deciso impegno civile e di satira politica, quasi

tutte ispirate alla realtà sociale italiana. Molte sue commedie si

sono imposte con grande successo a livello internazionale,

tradotte in più di venti lingue e correntemente rappresentate in

tutto il mondo, dalla Russia agli Stati Uniti, dalla Svezia al

Portogallo, all’Australia. Nella primavera del 2004

l’Accademia Teatrale Campogalliani di Mantova gli ha

dedicato un festival che si è svolto nel Teatro di Palazzo

d’Arco a Mantova. Non ha mai tralasciato il suo hobby che è

quello di suonare il pianoforte e la tromba.

16
Lug
10

Un cestino con tante sorprese

Un cestino con tante sorprese quello che troverete al Teatro Civico di Sinnai domenica 18-07-2010 alla 1^ edizione del Premio Nazionaleper il Teatro “Lauretta Masiero”, ideato e diretto dal caro amico Tullio Pecora. La serata concluderà un’intensa settimana culturale al femminile, iniziata a partire da domenica 12 luglio, con la rassegna teatrale “Il colore rosa”. Durante la serata, tra gli altri, verrà premiata col “Cestino doro” alla carriera l’attrice Erika Blanc. Per una più completa informazione sulla serata, ed eventualmente per tentarvi, ricordandovi che l’ingresso è gratuito, segue uno stralcio dell’articolo di Maurizio Bonanni pubblicato dal quotidiano “L’Opinione”.

Veniamo, ora, al 18 luglio, serata finale del “Colore Rosa”, dove il Teatro giocherà i molti volti delle sue anime artistiche, dividendosi in tre grandi filiere o sezioni “produttive”. La prima è quella riservata agli autori, in cui verrà premiato il migliore testo drammaturgico al femminile, rappresentato in Sardegna, nel corso delle ultime due stagioni teatrali. Il secondo, riconosciuto con il “Cestino d’argento”, premio speciale della giuria, ad una giovane artista teatrale (attrice, scenografa, costumista, autrice musicale..) emergente che, nell’ultima stagione teatrale si sia posta alla attenzione di pubblico e critica per impegno di testo e capacità di interpretazione. Un secondo “Cestino d’argento”, premio speciale della Giuria, ad un’artista (attrice, scenografa, costumista, autrice musicale,..) che, in Sardegna, si sia distinta per passione, rigore, originalità, impegno e capacità interpretativa nelle ultime due stagioni teatrali.

Ed, infine, il “Cestino d’oro” alla carriera (il premio doveva essere consegnato da Gianluca Guidi -figlio della Masiero- che, tuttavia, testimonierà con un video “ad hoc”, per improrogabili impegni artistici sul continente), attribuito ad Erica Blanc dalla giuria presieduta da Fioretta Mari. La Blanc -sulla base delle motivazioni- risulta l’attrice il cui percorso ha rappresentato e continua a rappresentare un autorevole punto di riferimento per le nuove generazioni. Di lei, rimandiamo alla bellissima intervista, rilasciata al collega Nicola Allegri, che l’ha catturata nel suo nuovo habitat, stretto come una cintura di castità nello splendido isolamento della campagna piacentina. Unici testimoni delle sue prove artistiche: i tanti cani e gatti che le fanno compagnia…

 Segue l’interessante articolo completo. 

03072010[1].opinione.pag14.b

Pietro Atzeni

16
Dic
09

La cena dei cretini

La cena dei cretini

 

Ho avuto la fortuna di vedere “La cena dei cretini”, di Francis Veber, per la regia di Tullio Pecora, alla prima al Teatro comunale di Sinnai nella passata stagione teatrale a maggio e domenica 20 dicembre andrò alla rappresentazione che si terrà al teatro Massimo a Cagliari. Vi andrò, perché la versione tutta locale che abilmente ne ha fatto il mio amico catanese è originale, gustosa e divertente come poche altre ho avuto modo di vedere. Non una volgarità, non una forzatura, di questi tempi è una precisazione che è d’obbligo fare, ma leggerezza nel preparare le situazioni, mai scontate e ovvie, che proprio per questo ti sorprendono e divertono. Chi può non perda l’occasione di trascorrere una serata diversa, che nell’occasione ha anche una finalità sociale. Infatti l’incasso verrà devoluto al programma alimentare mondiale dell’Onu per i bambini del Gambia. Testimone della serata Fioretta Mari, nota attrice teatrale e cinematografica, nota soprattutto ai giovani per il suo ruolo di insegnante di recitazione nel programma amici di Maria De Filippi.

Pietro Atzeni




Annunci